STOP al Bonus 75%, eliminazione barriere architettoniche

FCL 1959

FCL 1959

Se vuoi puoi condividere questo articolo

Stop Bonus 755

E’ stato approvato il 28 Dicembre dal Consiglio dei Ministri un Decreto Legge che contiene anche una stretta al Bonus Barriere architettoniche 75%.Sostanzialmente blocca in maniera netta la possibilità di fruizione del bonus barriere architettoniche per la sostituzione dei serramenti interni ed esterni e per le motorizzazioni. Il governo ha ora limitato gli interventi sottoposti allo sgravio chiarendo che sono ammissibili quelli su “scale, rampe e l’installazione di ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici”.
Dal nuovo anno niente più bonus quindi per i serramenti e per gli interventi di automazione degli impianti degli edifici e delle singole unità immobiliari funzionali ad abbattere le barriere architettoniche. Ricordiamo che questa facilitazione prevcedeva uno sconto del 75% sulla spesa, usufruibile o con una Detrazione Fiscal in 5 anni o addirittura, in alcuni casi, con lo sconto in fattura della stessa percentuale
Ciò vanifica di fatto tutti i contratti stipulati sinora che prevedevano l’intervento nel 2024 con sconto in fattura. Sono previste due eccezioni.

Una riguarda le spese sostenute in relazione agli interventi per i quali in data antecedente a quella di entrata in vigore del decreto risulti presentata la richiesta del titolo abilitativo, ove necessario;
per gli interventi per i quali non è prevista la presentazione di un titolo abilitativo, siano già iniziati i lavori oppure, nel caso in cui i lavori non siano ancora iniziati, sia già stato stipulato un accordo vincolante tra le parti per la fornitura dei beni e dei servizi oggetto dei lavori e sia stato versato un acconto sul prezzo.
L’altra riguarda, invece, le opzioni relative alle spese sostenute successivamente al 31 dicembre 2023, da:
condomini, in relazione a interventi su parti comuni di edifici a prevalente destinazione abitativa;
persone fisiche, in relazione a interventi su edifici unifamiliari o unità abitative site in edifici plurifamiliari, a condizione che il contribuente sia titolare di diritto di proprietà o di diritto reale di godimento sull’unità immobiliare, che la stessa unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale e che il contribuente abbia un reddito di riferimento non superiore a 15.000 euro. Il requisito reddituale  non si applica se nel nucleo familiare del contribuente è presente un soggetto in condizioni di disabilità.

Comunque per qualsiasi chiarimento FCL 1959 è a vostra disposizione. Chiamate 0362.903903 oppure 039.2306252.

Leggi gli altri articoli

Lasciati ispirare